E’ meglio salvare il dente o mettere l’impianto?

Eh si quante volte il paziente pone la domanda al proprio dentista , se salvare il proprio dente o mettere direttamente un impianto.

La domanda può sembrare apparentemente difficile , ma in realtà non lo è…

Bisogna fare tutto ciò che è possibile tecnicamente, per salvare un dente danneggiato !

Spesso potrebbe risultare molto piu veloce sostituire un  dente gravemente compromesso , ma un dente rimane sempre l’organo migliore , e l’impianto non è altro che un “compromesso” in titanio !

Senza star qui a fare lezioni di anatomia , ti spiego brevemente la sostanziale differenza tra un dente naturale e un impianto artificiale :


Come puoi notare dalle immagini, la radice naturale del dente è provvista del legamento parodontale, una sorta di “ammortizzatore” del dente che consente di avere quel minimo di mobilità per permettere le funzioni masticatorie , cosa che invece non ne è provvisto l’impianto in titanio , in quanto risulta bloccato all’interno dell’osso.

Oltre ad un aspetto prettamente meccanico , il parodonto consente al dente di avere una sensibilità propriocettiva , cioè una ricettività alle diverse pressioni della masticazione.  

Fermo restando che deve essere il dentista con le sue competenze a scegliere il trattamento migliore , è giusto che il paziente sia a conoscenza delle possibilità terapeutiche per far sì che il dente sia salvato.

Un dente compromesso generalmente presenta delle carie profonde o fratture coronali  che richiedono un trattamento canalare , o ancora denti devitalizzati in passato con infezioni acute o cronicizzate che richiedono un complesso ritrattamento canalare , o ancora denti colpiti in modo grave dalla malattia parodontale e non più gestibili ne da parte del paziente , ne da parte del dentista.

In tutti questi casi il professionista in accordo con il paziente , sceglierà il trattamento migliore , se intraprendere la strada del recupero, senza sfociare nell’ accanimento terapeutico , di sostituire il dente con un impianto in titanio.